Contatti    Dove siamo  

Benvenuti nel sito del Collegio delle Ostetriche




Erede di una nobile ed antichissima professione, le cui origini si perdono nella notte dei tempi, l’arte della maieutica Ostetrica è esercitata oggi in Italia da 16.000 ostetriche regolarmente iscritte agli albi dei rispettivi Collegi Provinciali.

La professione Ostetrica è stata definita in tanti modi diversi:

E’ una delle professioni di “aiuto” più diffusa nel Sistema Sanitario Italiano, viene identificata come professione intellettuale.

In base alle leggi vigenti, è la professionista che si occupa in piena autonomia e responsabilità del benessere fisico e psichico della donna-coppia in tutto il suo percorso evolutivo (nascita, infanzia, adolescenza, menopausa e terza età) nel contesto sociale in cui vive.

Oggi i nuovi criteri per definire e per giudicare l’esercizio professionale, o meglio, per individuare il campo proprio di attività e di responsabilità dell’Ostetrica si possono ricercare:

L’Ostetrica nello svolgimento della sua attività in autonomia risponde a degli obblighi quali:

Quello dell’Ostetrica/o non è un ruolo semplice, perché questa professione sia gratificante per chi la esercita e con risultati apprezzabili per le persone assistite, occorre che coesistano tanti elementi: non soltanto perizia e competenza, ma anche impegno personale, entusiasmo, umiltà, creatività, disponibilità a mettersi in gioco, voglia di allargare gli orizzonti delle proprie conoscenze scientifico-organizzative.

Dovunque e in ogni caso l’Ostetrica esplichi le sue funzioni, è necessario l’assunzione di un atteggiamento di tipo professionale che si traduca nella competenza riconosciuta dalla legge in quanto l’esercizio della responsabilità perfeziona la competenza.

Si può dire infatti che più si è responsabili, più si diventa competenti e più si diventa competenti più si è autonomi. Non esiste autonomia senza competenza, e non esiste competenza senza responsabilità.

“Ogni azione non preceduta da una riflessione
è solo il movimento di un corpo che dorme”
(Simone Wail)