Contatti    Dove siamo  

Poteri

Dire dei poteri di cui è investito il Collegio Professionale vuol dire, anche secondo l’ordinamento delle professioni sanitarie, parlare delle funzioni e dei compiti demandati dalla legge del Consiglio Direttivo, ossia all’organo democraticamente eletto ogni triennio dagli iscritti nell’albo.

È facile desumere che spetta al Consiglio Direttivo:
Il potere tariffario
La salvaguardia del decoro della professione non può prescindere dall’ applicazione da parte dei professionisti di onorari congrui. Lo stesso Codice Civile sancisce che, il compenso deve essere adeguato all’ importanza della prestazione resa al cliente e al decoro della professione.
L’ elaborazione della tariffa degli onorari professionali è curata in genere dal Collegio Provinciale che ha piena autonomia, salvo il caso che la federazione abbia adottato una tariffa generale valida sull’intero territorio nazionale. Tuttavia è da ritenere che anche in questo caso il Consiglio Direttivo possa con deliberazione adeguatamente motivata, discostarsi dalla tariffa nazionale quando sussistono ragioni e circostanze che giustifichino una correzione in diminuzione o in aumento.

Il potere disciplinare
Il potere disciplinare è il più significativo dei poteri attribuiti al Consiglio Direttivo ai fini della tutela e del decoro e dell’indipendenza della professione.

Si tratta di un potere strettamente funzionale, vale a dire quello di garantire il corretto espletamento della professione e con esso il prestigio e la dignità della medesima.

Il potere disciplinare investe anzitutto il comportamento dell’iscritto all’albo nell’espletamento dell’attività professionale.

Già in presenza della semplice notizia di comportamenti che appaiono in contrasto con i principi e le regole sanciti nel codice deontologico, il presidente del Collegio è tenuto a svolgere gli accertamenti preliminari e a riferirne l’esito al Consiglio Direttivo, mentre quest’ultimo deve a sua volta, deliberare se sussistono o meno le condizioni per l’apertura del procedimento disciplinare.